Il voyeurismo e l'esibizionismo

Il voyeurismo e l'esibizionismo

Più o meno, il voyeurismo (cioè iI piacere di guardare la nudità degli altri oppure diversi atti di natura intima) e l'esibizionismo (la sfrenatezza di esporre in pubblico il proprio corpo nudo), si riscontranoin ogni essere umano, ma in "quantità" leggermente diverse, senza dubbio la bilancia pende verso quelli dotati di testicoli e testosterone(almeno, cosi sostengono gli studi che dimostrano quasi unanimamente, che la categoria "dura" è molto più sensibile alla nudità rispetto alle donne). In caso contrario, probabilmente lʼ industria porno avrebbe chiuso bottega gia da molto tempo.

Da un certo punto di vista, si può dire che la società stessa incoraggia manifestazioni di questo tipo (ma in uno stile ipocrita). Poichè cʼè il nudismo tollerato (sia sulle spiagge, che nei media), festivalcontenute sommarie, spesso quasi invisibili (vedi il Carnevale di Rio), pigiama party (pretesto chiaro per tentazioni più disinvolte), prodotti, servizi o addirittura arte promossa attraverso lʼassociazione diretta con i corpi spogliati, ”afrodisiaci” ovvio anche seoltre un certoconfinerelativamente sensibile, tracciato dallʼaspirazione di accreditamentoagli occhi degli"altri" di una personalità impreziosita, le persone si infiammano immediatiatamente e incolpanocon veemenza tutto ciò che in effetti ed in maniera paradossale, immaginano avidamente oppure non vedono lʼora di farlo allorquando sono da sole in maniera tale che nessuno possa notarle. Ma questo è dovuto, sicuramente, alla nostra duplice natura umana, e talvolta,deludentemente ipocrita.

Quello che non è per il momento (legalmente) accettato, è il sesso in pubblico. Proprio per questo, le espressioni dirette dellʼesibizionismo e del voyeurismo, sono condannate a livello quasi globale, e un individuo che per soddisfarsi, sventola  con indifferenza le sue ”dotazioni" per la strada o viene beccato spiando una donna nella cabina di prova di qualche negozio, non verràaccolto a braccia apertee neancheapplauditocome un eroe. Perchénonostante imolti modi in cuiè attualmenteutilizzata("ufficialmente") la sessualità, compreso nello spaziopubblico(di solito con base commerciale) la nuditàpraticata perpuro piacere, èancora un tabù.

I seguacicoerenti di questo approcciopossono trovare però, la strada giusta e quella di mezzo, che li esentano da una parte dalle critiche dei tanti o anche dal commettere reati punibilidalla legge, e dallʼaltra parte, offrire loro lʼoccasione di materializzare i propri "capricci" a cui tengono cosi tanto le tapparelle aperte durante gli episodi bollenti,la partecipazione a spettacoli appositamente organizzati in questo senso (ma in ambienti chiusi), spiagge di profilo (anche queste delimitate in modo relativamentesevero), depravazione di gruppo e così via, sono solo alcune delle possibilità degne di essere prese in considerazione, dai feticisti nemicidei vestiti, delle porte chiuse e della sensualità praticata a "domicilio".

www.intimtips.com